Il Gazzettino - Padova eventi

PDFStampaE-mail

Il Gazzettino 31 gennaio 2013

IL FILM AL CINECITY
Con "Urla nel silenzio"
raccolti 12 mila euro per i bimbi delle favelas

Luisa Morbiato

Un caloroso applauso ha suggellato l'ultima immagine del film "Urla nel silenzio". "Il caso Pescia" proiettato per la prima volta l'altra sera al Cinecity di Limena. La pellicola si è avvalsa della regia di Giorgio Gorgi che ha diretto attori professionisti, affiancati da Bruno Pescia e il piccolo André jr. che interpretano loro stessi e da amici che hanno voluto partecipare al progetto. La storia è quella dell'omicidio del padovano Andrea Pescia, 31 anni, avvenuto a Fortaleza in Brasile nel 2006 per mano di un ragazzo di 19 anni già con altri due omicidi alle spalle. Un omicida individuato subito, ma il cui arresto è avvenuto molto tempo dopo solo grazie alla tenacia del padre Bruno. Una pellicola ricca di emozioni, un dolore dal quale è scaturita la voglia di fare qualcosa di concreto per Bruno Pescia, padre di Andrea, e autore del libro da cui e stato tratto il film ricordare Andrea. La famiglia ha infatti costituito l'Associazione Andrea Pescia' e, tra i tanti progetti, ha costruito una scuola che accoglie 130 bambini della favela Garibaldi di Fortaleza. I progetti, visibili sul sito www.associazioneandreapescia.org, sono finanziati da donazioni, dai proventi del libro, sempre scritto da Bruno Pescia, e ora dal film che nelle due proiezioni ha già raccolto 12mila euro. Denaro che, come ha sottolineato Bruno Pescia dopo la proiezione, dal palco dove regista, tecnici, musicisti e attori erano schierati, "viene versato direttamente alla scuola per il 99 per cento. "Un successo per il quale vogliamo ringraziare tutti quelli che si sono impegnati, lo sponsor e il Comune di Padova che ha dato il patrocinio". Tra il pubblico anche l'assessore Claudio Piron, molto vicino all'Associazione. Un impegno che continuerà anche perché il film ha suscitato già l'interesse di un distributore.

joomla template